la dieta mediterranea

dieta mediterraneaLa Dieta Mediterranea è entrata nel patrimonio culturale immateriale dell'Unesco. L'ok è arrivato dal comitato intergovernativo dell'ente riunito a Nairobi.
La Dieta Mediterranea è un metodo nutrizionale che si ispira ai modelli alimentari tradizionali del bacino mediterraneo, sinonimo di alimentazione sana e protettiva verso le patologie cardiovascolari. La scoperta e valorizzazione di questo stile alimentare è da attribuire al nutrizionista americano Ancel Keys, che ha soggiornato per quasi mezzo secolo nel territorio di questo Comune, condividendo e studiando le abitudini alimentari dei residenti.

vino

La viticoltura è soggetta, dato il territorio prevalentemente collinare e con assenza di latifondi, ad una coltivazione che impone un elevato impiego di manodopera e basse produzioni unitarie. Le varietà più diffuse sono il Fiano, il Sangiovese e l’Aglianico. L’opinione, per molto tempo abbastanza diffusa nel Cilento stesso, che il vino prodotto in loco non fosse di qualità molto elevata trova, nelle caratteristiche della produzione attuale, una clamorosa smentita.

fichi

fico bianco del cilentoIl fico Bianco del Cilento
agli inizi del secolo scorso era considerato “il pane dei poveri” essendo stato per decenni una riserva energetica a basso costo; conservato sotto forma di prodotto secco per le popolazioni ha permesso la sopravvivenza nei periodi invernali.

olio

L’olivo del Cilento ha radici antiche (ricerche archeobotaniche ne documentano la presenza già nel IV sec. a.C.). La tradizione invece vuole che le prime e più antiche piante (le “Pisciottane”) fossero state introdotte dai coloni Focesi che fondarono Velia. L’olio dop del Cilento ha ottenuto il riconoscimento nel 1992. La coltivazione dell’olivo rappresenta la più diffusa attività agricola e la maggior fonte di reddito (unitamente alla pesca).

alici di menaica

vasetto di alici di menaicaUna antichissima forma di pesca, molto diffusa lungo le coste del Mediterraneo, sopravvive soltanto nel Cilento, alla marina di Pisciotta ed in parte ad Acciaroli. La pesca delle alici avviene all’imbrunire nelle giornate di primavera con piccoli gozzi a remi.

gastronomia

Alcuni prodotti, in particolare i dolci, sono legati essenzialmente alle festività. Pasticelle e scauratielli hanno conservato ancora le caratteristiche della tradizione.
Unitamente sopravvivono alcune pietanze e piatti tipici che,nonostante l'impatto turistico, hanno rispettato e conservato inalterate nel tempo le proprie radici. Sono piatti tipici fusilli, lagane e ceci, scarole 'mbuttunate, e molte varianti sulla preparazione del pesce azzurro.
Unitamente a questi sono sono da scoprire e gustare sia gli insaccati (soppressata, salsiccia, salsiccia di fegato, noglia) che i prodotti caseari (muzzarella co a mortedda,caciocavallo podolico e il cacioricotta) peraltro molto diffusi sull'intero territorio del Cilento.